La Juve lavora sotto traccia perché ha bene in mente quali sono gli obiettivi da raggiungere. A oggi l’unico acquisto bianconero è stato il portiere Perin, ma si attende l’affondo definitivo su Emre Can per iniziare a puntellare il centrocampo. Il centrocampista tedesco, che a causa degli ultimi due mesi trascorsi a combattere con un problema alla schiena ha perso il treno per i Mondiali, è il primo obiettivo: è atteso in città già nei prossimi giorni per mettere la firma sul quinquennale che lo legherà alla Juventus. Per ora Emre Can si trova in vacanza a Ibiza, ma potrebbe fare una gita sotto la Mole, si parla di giovedì o venerdì, per definire il suo futuro. Durante l’ultimo incontro di certo anche i discorsi relativi a Darmian e Cancelo. Uno non esclude l’altro, ma al momento la Juventus pare più decisa sul portoghese, per quello che sarebbe il primo dispetto di mercato all’Inter. Cancelo vuole la Juve e il Valencia, proprietaria del cartellino e sotto la lente del fair play finanziario, intende monetizzare al massimo. La Juve vorrebbe inserire nell’affare Pjaca, ma gli spagnoli preferiscono soldi cash: si lavora ad una trattativa alla Cuadrado, ovvero 35 milioni di euro più bonus con la formula del prestito oneroso da 10 milioni più riscatto fissato a 30. Solo successivamente in una trattativa parallela si parlerà di Pjaca. Ma i temi non finiscono qua. Da cullare c’è sempre il sogno Milinkovic-Savic, ma ci vorrà una grande manovra da parte della dirigenza e parecchi soldi da investire. Così come la suggestione relativa a Golovin del Cska Mosca, che da quando la Juve gli ha messo gli occhi addosso ha iniziato a deliziare la platea al Mondiale con la Russia e inevitabilmente il prezzo sta lievitando. Da valutare anche possibili addii, quali quello di Mandragora e sopratutto Sturaro, ma anche l’ipotesi di un clamoroso divorzio da Higuain. In quel caso Allegri e la dirigenza avranno preparato il piano per sostituire il Pipita.